Gibuti

Geografie

Indipendente dal 1977, Gibuti è uno stato situato nell’Africa Orientale. Bagnato dal Mar Rosso e da Golfo di Aden, confina con Eritrea, Etiopia e con i territori del Somaliland. La popolazione ammonta a circa 900 mila persone e le lingue ufficiali sono l’arabo e il francese.

Gibuti è un piccolo stato dalla posizione strategica, diventato fondamentale per i commerci internazionali e come hub logistico, ma sempre più rilevante anche per la sicurezza nella regione. Infatti, nel tempo è diventato sede di numerose basi militari straniere, tra cui la base italiana (BMIS – Base militare italiana di supporto).

L’interscambio economico con l’Italia ammonta a 18.9 milioni di dollari (2021). Nel 2020 è stato firmato un accordo sulla cooperazione nel settore della difesa, con numerosi obiettivi che interessano direttamente l’Italia e la sicurezza nel Mediterraneo Allargato, in particolare per quanto riguarda la stabilizzazione e la sicurezza della Regione, il consolidamento delle reciproche capacità difensive, il contrasto della pirateria nel Corno d'Africa, nonché lo sviluppo nei settori dell’approvvigionamento e della logistica di entrambi i paesi. Altri campi di cooperazione interessano le operazioni umanitarie e di mantenimento della pace, l’organizzazione delle Forze armate, la formazione, l’addestramento e l’aggiornamento in campo militare e infine la sanità militare.

Approfondimenti

Perché includere l’Unione africana nel G20 aumenta il valore del gruppo

L’inclusione dell’Unione Africana come membro permanente del G20, composto dalle prime venti economie del mondo, può avere un valore epocale per l’evoluzione dell’Africa. L’analisi di Emanuele Rossi

Leggi l'approfondimento
Notizie

Al via la collaborazione tra Med-Or e il think tank indiano CSDR

Firmato in questi giorni un importante protocollo di collaborazione tra la Fondazione Med-Or e il Council for Strategic and Defense Research (CSDR) di Nuova Delhi

Leggi la notizia
Approfondimenti

Che succede in Pakistan?

In Pakistan, mentre politici e militari continuano a regolare i loro conti interni, la situazione rischia di precipitare. L’analisi di Guido Bolaffi

Leggi l'approfondimento