News

Italia-Israele. Si rafforza la collaborazione tra Med-Or e Inss di Tel Aviv

Il 13 giugno si è tenuto presso la sede della Fondazione Med-Or un workshop di studio realizzato insieme all’Institute for National Security Studies di Tel Aviv. Leggi qui l'articolo di Formiche.net

Med-or consolida la sua collaborazione con l’Institute for National Security Studies (Inss) di Tel Aviv con un nuovo evento organizzato in maniera congiunta a Roma. Si è infatti svolto martedì 13 giugno, presso la sede della Fondazione Med-Or, un workshop di studio, dedicato all’approfondimento dei punti di vista italiano e israeliano sui cambiamenti in corso nella regione del Medio Oriente e sulla situazione in Siria e Libano, a cui hanno preso parte sia i ricercatori e gli analisti di Inss che di Med-Or. L’incontro segue la firma del memorandum sottoscritto con Inss nel mese di marzo, un accordo importante per Med-Or, considerata la rilevanza che l’Istituto riveste non solo in Israele come principale think tank del paese e in tutta la regione mediorientale.

Inss è un istituto di ricerca e think tank israeliano affiliato all’Università di Tel Aviv, fondato nel 1977. L’ente conduce ricerche nei molteplici campi che compongono gli studi di sicurezza e che hanno un impatto sulle questioni strategiche relative alla Sicurezza Nazionale di Israele, con una particolare attenzione per il Medio Oriente, il conflitto israelo-palestinese, la dottrina di sicurezza israeliana, il controllo degli armamenti, il terrorismo, i conflitti a bassa intensità e le relazioni Usa-Israele. Nel corso degli anni l’attività di analisi si è estesa anche alla Cina, alla Russia, all’Europa e a nuovi settori come l’economia, il dominio cyber, l’energia e il cambiamento climatico. Tra gli analisti dell’INSS si annoverano accademici, strateghi e professionisti provenienti dal governo, dalle forze armate, dal corpo diplomatico e da altri settori rilevanti. Dal 2021, il centro di ricerca è diretto dall’economista ed ex membro della Knesset Prof. Manuel Trajtenberg.

All’incontro di Roma erano presenti sia il prof. Trajtenberg che il presidente di Med-Or Marco Minniti. Con loro hanno preso parte ai lavori, svolti secondo le regole di Chatham House, anche Alfredo Conte, Direttore Centrale per i paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente presso il Maeci, Gianluigi Vassallo, Responsabile della divisione per il Vicino Oriente del Maeci, Stefano Ravagnan, Inviato Speciale per la Siria del Maeci e Shimon Zvi Mercer-Wood, Direttore del Dipartimento Medio Oriente del ministero degli Esteri di Israele.

Durante il confronto sono emersi i punti di vista sui principali eventi che riguardano la regione del Medio Oriente, il ruolo svolto dall’Iran e dalle diverse potenze presenti con un particolare focus alle evoluzioni della situazione in corso in Libano e Siria, le cui conseguenze riguardano tutta la regione e coinvolgono direttamente Israele e Italia per quanto riguarda sia le minacce alla sicurezza che le ricadute in ambito politico ed economico.

Con questa collaborazione con Inss, Med-Or rafforza la sua presenza e la sua proiezione verso un paese, Israele, con cui anche a livello politico e diplomatico ci sono relazioni storiche. Questo evento, oltre ad essere il secondo incontro svolto in Italia tra gli analisti dei due enti dopo il seminario dell’11 maggio svolto a Roma con la Direttrice del programma Tecnologie Avanzate e Sicurezza Nazionale dell’Inss, Liran Antebi, costituisce un ulteriore esempio della proficua collaborazione avviata per l’organizzazione di eventi e seminari di approfondimento reciproco, in Italia e in Israele, su tematiche e questioni di comune interesse inerenti alla politica estera, di difesa e sicurezza nel Mediterraneo allargato, a partire da una conferenza che si terrà nel prossimo autunno, dedicata all’impatto dell’intelligenza artificiale e alla cyber security.
Una collaborazione che in futuro potrà dare spazio anche all’avvio di programmi di scambi tra ricercatori dell’INSS e di Med-Or, al finanziamento di borse di studio (erogate da Med-Or) a studenti israeliani per corsi di master presso università italiane e infine all’istituzione di un dialogo “di lavoro” su base annua tra i due enti per discutere questioni di mutuo interesse, valutare lo status del partenariato ed esplorare nuove prospettive di cooperazione.

Israele, paese sempre al centro delle dinamiche politiche del Mediterraneo che vanta forti legami con l’Italia, rappresenta per Med-Or un paese fondamentale con cui rafforzare collaborazione e iniziative comuni, soprattutto alla luce dei cambiamenti in corso nella regione del Mediterraneo allargato anche a causa della guerra in Ucraina, che ha radicalmente modificato il quadro securitario e geopolitico dell’area. Inss può essere proprio per questi motivi un partner privilegiato per la Fondazione Med-Or, anche per rafforzare la sua capacità di studio e di riflessione strategica sui principali eventi in corso a livello internazionale.

Approfondimenti

Israele cerca il suo spazio nella connettività del Golfo

Israele guarda al Golfo per portare avanti i suoi progetti di connettività e infrastrutturali. L’analisi di Emanuele Rossi

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

Italia-USA: una relazione strategica. Anche per il Mediterraneo

Il recente viaggio negli USA della premier Giorgia Meloni conferma l’importanza di uno dei capisaldi della politica italiana: il rapporto con gli Stati Uniti. Anche in ottica euro-mediterranea

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

Israele riconosce la sovranità marocchina sul Sahara occidentale

Tramite una lettera inviata da Netanyahu al re del Marocco, Mohamed VI, Israele ha ufficialmente riconosciuto “la sovranità marocchina” sul Sahara occidentale. Le possibili ragioni della scelta nel punto di vista di Francesco Meriano

Leggi l'approfondimento