Approfondimenti

Med-Or Day: inaugurata la sede della Fondazione

Il 20 luglio 2021 si è svolto il Med-Or Day, giornata di lancio al pubblico della Fondazione Med-Or, che ha aperto per l’occasione le porte della sede romana per incontrare stakeholder italiani e internazionali.

L’evento, svoltosi nel pieno rispetto delle normative anti-Covid, ha visto una nutrita presenza di ospiti e autorità.

Dopo il discorso di saluto da parte del Presidente della Fondazione Marco Minniti, è stato tagliato il nastro di inaugurazione insieme ai vertici di Leonardo, il Presidente Luciano Carta e l’Amministratore Delegato Alessandro Profumo, alla presenza dei Ministri Luigi Di Maio, Luciana Lamorgese, Lorenzo Guerini, Mara Carfagna e Andrea Orlando, del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Autorità Delegata per la sicurezza della Repubblica Franco Gabrielli e del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Durante il discorso di ringraziamento rivolto agli ospiti da parte del Presidente Minniti, è stato ricordato il lancio del primo progetto della Fondazione: una partnership con l’Università Luiss Guido Carli e la Mohammed VI Polytechnic University di Rabat, che prevede il finanziamento di una serie di borse di studio per studenti e studentesse provenienti dal Marocco, che potranno seguire i corsi di laurea magistrale presso l’ateneo romano.

Ha preso parte all’inaugurazione anche l’ex Commissario Europeo Dimistris Avramopoulos, giunto dalla Grecia per l’occasione, oltre a diversi rappresentati del corpo diplomatico, tra cui alcuni ambasciatori dei paesi dell’area mediterranea. Presenti numerose personalità della politica e del Parlamento, tra cui Gianni Letta, e i Presidenti di alcune importanti Commissioni parlamentari Roberta Pinotti, Piero Fassino, Adolfo Urso, Erasmo Palazzotto, i massimi vertici delle autorità di Sicurezza, Militari e di Polizia, il Direttore Generale del DIS Elisabetta Belloni, il Direttore dell’AISI Mario Parente, il Direttore dell’AISE Giovanni Caravelli, il Capo di Stato Maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli, il Capo della Polizia e Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Lamberto Giannini, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Gen. Pietro Serino, il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Amm. Giuseppe Cavo Dragone, e, inoltre, il Procuratore Generale della Corte di Cassazione Giovanni Salvi e il Procuratore di Roma Michele Prestipino. In rappresentanza del mondo accademico italiano erano presenti i rettori della Sapienza, della Luiss “Guido Carli” di Roma, dell’Orientale di Napoli e della Cattolica di Milano. Hanno inoltre partecipato il Direttore Generale di Leonardo Valerio Cioffi, il DG della Fondazione Letizia Colucci e numerosi dirigenti del Gruppo Leonardo.

Approfondimenti

Perché Gibuti è strategico per la sicurezza nel Mar Rosso

Dalla tutela del commercio marittimo alla stabilità del Corno d’Africa: l’importanza delle installazioni militari presenti a Gibuti per la sicurezza marittima del Mediterraneo e dell’Europa.

Leggi l'approfondimento
Notizie

Italia, Francia: sguardi incrociati sul Mediterraneo

Il 22 e 23 aprile 2024, si è tenuta a Parigi la seconda edizione del seminario sulle relazioni tra Italia e Francia nel Mediterraneo - MIF, alla presenza di rappresentanti politici, istituzionali, militari e industriali dei due paesi.

Leggi la notizia
Approfondimenti

I settantacinque anni della NATO e la sfida della sicurezza nel Mediterraneo

La NATO compie 75 anni, ma il nuovo contesto internazionale e le sfide alla sicurezza euro-atlantica pongono nuove sfide per l’Alleanza. L’articolo di Enrico Casini, pubblicato su Il Giornale venerdì 19 aprile 2024.

Leggi l'approfondimento