Approfondimenti

Naftali Bennett in visita negli Emirati: la prima volta di un premier israeliano

L’incontro tra Bennett e lo sceicco bin Zayed è stato un momento storico per i due Paesi e per la regione. I due leader hanno parlato di come consolidare i rapporti economici, molti dei quali già avviati.

Domenica 12 dicembre, Naftali Bennet è giunto negli Emirati Arabi Uniti in una visita ufficiale che è la prima per un premier dello Stato d’Israele dopo la firma degli Accordi di Abramo nel 2020. La stampa israeliana l’ha definita “un avvenimento storico” che, “solo qualche tempo fa sarebbe stato inimmaginabile”.

“Siamo i nipoti di Abramo” ha detto Bennet, aggiungendo che la ripresa delle relazioni “è la miglior prova che lo sviluppo di rapporti bilaterali è un tesoro prezioso per noi e per l’intera regione”.

Nella dichiarazione finale, le due parti si sono dette d’accordo a stabilire un fondo condiviso di ricerca e di sviluppo, che unirà “le migliori menti economiche e tecnologiche” dei due Paesi per risolvere i problemi legati ai cambiamenti climatici e alla desertificazione, all’energia pulita e all’agricoltura, per poi commercializzare i risultati ottenuti.

Gli Emirati intendono rafforzare i legami economici con Israele, sino a raggiungere $1 trilione nei prossimi 10 anni e il volume commerciale tra i due Paesi è già passato dai $50,8 milioni del 2020 ai $613,9 del 2021. La cooperazione commerciale prevede anche piani per un oleodotto dal Mar Rosso al Mediterraneo.

Lo sviluppo di relazioni amichevoli tra i due stati è stata definita “una dinamica nuova e significativa per il Medio Oriente del XXI secolo”. Tel Aviv e Abu Dhabi condividono interessi strategici e Israele viene considerato dagli Emirati un alleato nella gestione della stabilità regionale. Anche se poco è trapelato di quanto i due leader si siano detti sulla “questione Iran”, l’argomento è stato toccato nelle circa 4 ore di colloquio vis à vis. Israele non può nascondere una certa preoccupazione per la recente visita a Tehran del consigliere nazionale per la sicurezza degli Emirati, Tahnoun bin Zayed, proprio mentre sono in corso i negoziati a Vienna. Anche se questa preoccupazione non sembra guastare lo straordinario momento delle loro relazioni internazionali.

In questo quadro, secondo quanto riferito dall’ufficio di Mohammed bin Zayed Al Nahyan, Bennett ha invitato lo sceicco a recarsi in Israele. L’invito è stato accettato, anche se la data è ancora da definire.

Approfondimenti

Libano: la doppia crisi del paese dei cedri

Il Libano è al centro di molteplici crisi simultanee, che rendono il paese a rischio di instabilità. L’analisi di Claudia De Martino

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

Cosa ci racconta l’ultima riunione della SCO

La Shanghai Cooperation Organization, pur avendo le sue diverse sensibilità interne, anche con l’ultima riunione ha dimostrato l’interesse a diventare un blocco sempre più antioccidentale. L’analisi di Emanuele Rossi

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

Le vulnerabilità degli stretti strategici di Hormuz e Bab-el-Mandeb

Dall’assertività dell’Iran alle tensioni tra gli attori del Corno d’Africa, passando per la pirateria e il terrorismo: il peso degli stretti strategici nella nuova instabilità del quadrante Golfo-Mar Rosso.

Leggi l'approfondimento