News

Israele e paesi del Golfo: come cambiano le relazioni

di Anna Maria Cossiga

Dalla visita di Gantz in Bahrein alla partecipazione di Israele alle esercitazioni della V Flotta americana in Medio Oriente. Come stanno cambiando le relazioni tra Israele e paesi del Golfo dopo gli Accordi di Abramo. Il punto di Anna Maria Cossiga

Gli Accordi di Abramo, firmati poco più di un anno fa, stanno mostrando tutta la loro efficacia, soprattutto nel campo della difesa e in quello economico.

Nella visita del premier israeliano Naftali Bennett negli EAU, lo scorso dicembre, si era discusso dello sviluppo dei rapporti bilaterali, mirati anche alla stabilità e alla sicurezza della regione[1]. Ugualmente, l’incontro tra il presidente Herzog e lo sceicco bin Zayed, in gennaio, aveva sottolineato l’importanza della pace e della stabilità regionale[2].

Di temi simili si è parlato nella visita del ministro della difesa Benni Gantz in Bahrein, che ha avuto luogo il 3 febbraio, e durante la quale è stato firmato un Memorandum of Understanding per promuovere la cooperazione nell’ambito dell’intelligence e per formalizzare quella tra industrie della difesa. Commentando i positivi sviluppi dei rapporti tra Tel Aviv e i paesi del Golfo firmatari degli Accordi, gli analisti rilevano come sia evidente la volontà di una più attiva collaborazione anti-Teheran[3].

Il ministro della difesa israeliano si è recato anche al quartier generale della quinta flotta della Marina statunitense, che Bahrein ospita. Il regno è anche la sede di alcune operazioni del CENTCOM, un’organizzazione USA per il coordinamento militare in Medio Oriente, di cui Israele è entrato a far parte lo scorso anno[4].

La visita è significativa perché Tel Aviv prende parte alla International Maritime Exercise 2002 (IMX22), un’esercitazione marittima, guidata dagli Stati Uniti, cui partecipano circa 60 paesi e che si concentrerà sui sistemi navali senza equipaggio e sull’uso dell’intelligenza artificiale[5]. L’esercitazione, che si svolge ogni due anni, ha avuto inizio il 31 gennaio ed è stata inaugurata proprio nella sede della quinta flotta USA in Bahrein. Quest’anno, le esercitazioni verranno eseguite nel Golfo, nel Mare Arabico, nel Golfo dell’Oman, nel Mar Rosso e nell’Oceano Indiano settentrionale; dureranno 18 giorni[6]. Gantz ha annunciato che le unità israeliane si eserciteranno nella zona del Mar Rosso.

È la prima volta che Israele partecipa all’IMX, insieme agli Emirati e a Bahrein, ma anche all’Arabia Saudita, all’Oman, allo Yemen e al Pakistan, con cui non ha rapporti diplomatici. Nonostante questo, l’annuncio è stato dato pubblicamente e ha avuto un certo risalto sulla stampa[7].

Benché non ci siano relazioni ufficiali, è ben noto che, da anni, esistono rapporti economici, ma anche collaborazioni nel settore della difesa e dell’intelligence, tra Tel Aviv e altri paesi arabi. Più di una volta, rappresentanti delle istituzioni israeliane hanno espresso la speranza che altri stati firmino gli Accordi di Abramo[8]. L’ultimo a farlo è stato proprio il presidente Herzog, durante la visita negli Emirati. Nelle parole del ministro degli esteri Lapid, “certe cose richiedono tempo” ma, nel frattempo, durante il viaggio per Abu Dhabi, l’aereo del premier Bennett ha avuto il permesso di sorvolare lo spazio aereo dell’Arabia Saudita[9].


[1] www.timesofisrael.com/bennett-on-landmark-uae-visit-meets-crown-prince-to-discuss-booming-ties-iran/.

[2] https://www.timesofisrael.com/in-message-to-the-region-herzog-meets-uae-crown-prince-in-abu-dhabi/.

[3] https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israel-defence-minister-gantz-visits-u-s-navy-base-in-bahrain-1.10588259.

[4] https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israel-defence-minister-gantz-visits-u-s-navy-base-in-bahrain-1.10588259.

[5] https://www.timesofisrael.com/israel-to-join-massive-us-led-naval-exercise-in-red-sea-for-first-time/.

[6] https://www.navy.mil/Press-Office/News-Stories/Article/2917383/60-nations-international-organizations-kick-off-largest-maritime-exercise-in-mi/.

[7] https://www.timesofisrael.com/israel-to-join-massive-us-led-naval-exercise-in-red-sea-for-first-time/,

[8] https://www.reuters.com/world/middle-east/israel-says-it-hopes-ties-with-sarabia-indonesia-no-deals-imminent-2022-01-25/.

[9] https://www.haaretz.com/israel-news/.premium-israeli-president-announces-first-uae-visit-lapid-teases-saudi-indonesian-ties-1.10565354.

Approfondimenti

Il discorso di Lapid alle Nazioni Unite e la soluzione dei due stati

Durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il premier ad interim israeliano Yair Lapid è intervenuto pronunciandosi anche sulla complessa questione della soluzione dei due stati. Reazioni e commenti nell’articolo di Anna Maria Cossiga

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

A due anni dalla firma degli Accordi di Abramo

Due anni fa la storica firma degli Accordi di Abramo. Cosa è cambiato in questi anni nei rapporti tra i paesi coinvolti e che riflessi positivi si sono registrati nella regione.

Leggi l'approfondimento
Approfondimenti

Il Medio Oriente (non ancora post-americano) si prepara al viaggio di Biden

Cresce in Medio Oriente l’attesa per l’annunciata visita del Presidente Americano Joe Biden, che toccherà numerose tappe, tra cui l’Arabia Saudita.

Leggi l'approfondimento